Marcocreazioni approda su TrustPilot

Marcocreazioni approda su TrustPilot

- in Blog
364
criticism, write a review, review

Marcocreazioni certifica il suo rapporto con il Pubblico con Trustpilot un altro passo per la garanzia del consumatore. Dopo infatti la certificazione come sito sicuro per il consumatore sia aggiunge la trasparenza garantita dalle recensioni di uno dei colossi del review al livello mondiale.

Trustpilot è stata fondata dall’attuale CEO dell’azienda, Peter Holten Mühlmann, in Danimarca nel 2007. Ha avviato l’azienda quando i suoi genitori hanno iniziato a fare acquisti online. A quel tempo, stava studiando all’Università di Aarhus, School of Business and Social Sciences e in seguito avrebbe lasciato l’università per seguire Trustpilot.

Dopo aver raccolto 3 milioni di dollari in finanziamenti anticipati dal 2008 al 2010, Trustpilot ha ricevuto un’iniezione di capitale iniziale da SEED Capital Denmark e Northzone nel novembre 2011.Un anno dopo, Index Ventures , SEED Capital Denmark e Northzone hanno investito 13 milioni di dollari nella serie B finanziamento in Trustpilot, che l’azienda ha utilizzato per la crescita internazionale.

Nel 2013 Trustpilot ha aperto uffici a New York e Londra. Nello stesso anno, l’azienda è stata nominata Startup danese dell’anno agli European Startup Awards di Next Web. Nel 2014, Draper Esprit (precedentemente noto come DFJ Esprit) ha investito 25 milioni di dollari in Trustpilot, insieme al supporto degli investitori esistenti.  Secondo VentureBeat, il round di finanziamento della serie C aiuterebbe Trustpilot a “portare il suo servizio di recensioni al dettaglio online negli Stati Uniti” Alla fine del 2014, Trustpilot impiegava 325 persone e ogni mese venivano pubblicate 400.000 nuove recensioni.  Secondo Website Magazine, “Trustpilot è salito alle stelle nel 2014” e ha registrato “una crescita record con un aumento delle entrate dell’80% anno su anno.

Nel maggio 2015, Trustpilot ha ricevuto 73,5 milioni di dollari in finanziamenti di serie D. L’investimento è stato guidato da Vitruvian Partners , con il contributo di tutti gli investitori esistenti. A marzo 2015, Google ha annunciato il lancio delle valutazioni dei prodotti in Germania, Regno Unito e Francia. Per fare ciò, “Google sta aggregando dati in Europa da diverse fonti”, inclusi aggregatori di terze parti come Trustpilot.

Nel febbraio 2021, un privato, Philip Waymouth, è stato condannato a pagare £ 25.000 per danni per diffamazione dopo aver pubblicato una recensione negativa sul sito Web di TrustPilot. Aveva detto nel post che Summerfield Browne di Londra era “un altro procuratore di truffa”. La corte ha ritenuto che Waymouth non avesse presentato un reclamo all’azienda prima della pubblicazione. Ha detto che ha suggerito che se Summerfield Brown avesse rimborsato la quota, avrebbe eliminato il post, ma ha detto che non hanno risposto.

Nel marzo 2021, Trustpilot è quotata alla Borsa di Londra. I fondatori hanno affermato che il mercato azionario di Londra sembrava più attraente dopo che una revisione sostenuta dal governo ha chiesto una revisione del regime di quotazione nel Regno Unito.

Prodotti e attivitàModificare
Chiunque può pubblicare una recensione su Trustpilot. La creazione dell’account utente richiede un indirizzo e-mail o un account Facebook . L’azienda consente alle aziende di raccogliere e rispondere alle recensioni gratuitamente e offre funzionalità di marketing e analisi specializzate nei loro piani a pagamento. Genera entrate dalle società di abbonamento che utilizzano il suo software per essere recensito dai clienti e acquisiscono un senso degli affari dalle recensioni. Trustpilot ha un contratto di licenza con Google, che consente alle recensioni di Trustpilot di essere elencate come Valutazioni dei venditori di Google o “Google Stars”. Impiega circa 700 persone e ogni mese vengono pubblicate circa 1.000.000 di nuove recensioni.Ha pubblicato 50 milioni di recensioni su più di 228.000 marchi

Modello di businessModificare
Trustpilot gestisce un modello di business freemium e guadagna la maggior parte delle sue entrate dalle aziende che si abbonano ai suoi servizi.

CriticaModificare
Ci sono indagini indipendenti che suggeriscono che i siti web di recensioni come Trustpilot potrebbero avere recensioni false. Vi è controversia sulla legittimità di alcune recensioni di Trustpilot e di altri siti Web di recensioni dei consumatori e sul modo in cui gestisce i reclami su di esse, sebbene Trustpilot affermi che si sforza di includere solo recensioni autentiche. Trustpilot consente alle aziende di pagarle per accedere ai suoi servizi di marketing e di utilizzare la tecnologia di Trustpilot per filtrare le recensioni (normalmente selezionando solo i post favorevoli) che i clienti inseriscono sul proprio sito Web o altro posti. Ciò potrebbe violare determinate leggi o regolamenti. ]Trustpilot ha pubblicato recensioni false per Bizzyloans; li ha cancellati dopo che sono stati portati alla luce da KwikChex , una società di indagini online falsi revisori spesso rubano l’identità di persone reali per costruire falsamente la reputazione delle aziende recensite. Trustpilot nega di consentire qualsiasi recensione fraudolenta nota sul proprio sito.

Il 14 settembre 2017, Trustpilot ha emesso una lettera aperta in cui chiariva la sua politica di revisione a seguito di accuse relative alla “validità delle recensioni di [agente immobiliare online] Purplebricks da parte dei clienti”.

Il 22 marzo 2019, il Times ha riferito che gli agenti immobiliari Purplebricks e Foxtons stanno “giocando” il feedback di Trustpilot pagandolo per ottenere punteggi migliori. Nell’agosto 2016 cinque recensioni di Foxtons sono state pubblicate su Trustpilot, con un punteggio medio di 2,2 stelle su cinque. Il mese successivo ci sono state 467 recensioni, il 90% delle quali ha assegnato cinque stelle.

Il 6 febbraio 2020 la pubblicazione di settore Property Industry Eye ha riferito che Trustpilot stava esaminando le recensioni di agenti immobiliari “in generale” dopo che il sito Web di recensioni di proprietà allAgents aveva affermato che il 70% delle loro recensioni poteva essere falso.

Nel maggio 2020, un episodio di Joe Lycett ‘s Got Your Back ha condotto un esperimento in cui è stata creata una società falsa su Trustpilot, dimostrando i vari modi di manipolare le recensioni sul sito. Trustpilot ha pubblicato una risposta online, sottolineando il valore dell’esperimento dello spettacolo nell’evidenziare le frodi sul sito e promettendo di implementare modifiche per affrontare meglio il problema.

Trustpilot si riserva il diritto di rimuovere le recensioni senza alcun preavviso in base alla loro politica. Insiste sul fatto che fa sempre uno sforzo in buona fede per obbedire alla legge e alle sue politiche pubblicate per garantire che sul sito Web rimangano solo recensioni autentiche.

Le aziende possono rispondere pubblicamente alle recensioni o segnalare una recensione come non valida se ritengono che violi le linee guida per l’utente di Trustpilot o se non hanno registrazioni del recensore come cliente. Quando un’azienda segnala una revisione, questa viene automaticamente sostituita da un messaggio che indica che è in corso di valutazione. Se il recensore non fornisce le informazioni richieste a Trustpilot (ad es. la prova d’acquisto) entro sette giorni, Trustpilot rimuove la recensione.

Trustpilot potrebbe impiegare “un po’ di tempo” per indagare su una recensione segnalata, quindi anche se dopo l’indagine la recensione viene ripristinata, se nel frattempo sono state inviate più recensioni con soddisfazione dell’azienda, la recensione ripristinata sarà sostanzialmente meno evidente rispetto a quando era la prima volta pubblicato.

Nel 2020, secondo il primo rapporto sulla trasparenza di Trustpilot, ha ospitato oltre 2 milioni di recensioni false sulla sua piattaforma, che alla fine hanno dovuto essere tutte rimosse.

You may also like

Montaggio Video – Multimediale e Cinematografico con Effetti Speciali

Metodologia Il mio insegnamento e svolto a fare